Super Anticiclone, quando una svolta?

anomalia GPT in riferimento a mercoledi 11 novembre 2015
anomalia GPT in riferimento a mercoledi 11 novembre 2015

Da giorni ormai siamo sotto questo dominio anticiclonico, abbiamo registrato termiche sopra la media fino a 10-15° in varie zone d’italia come il settore Alpino dove lo 0° termico è schizzato fin oltre i 4000mt andando a somigliare molto alle anomalie che si verificano mediamente durante la fase estiva.

il tempo è rimasto spesso stabile, negli ultimi giorni visto il lungo stazionamento dell’anticiclone al suolo è andata cresciendo l’umidità favorendo cosi foschie, banchi di nebbia e nubi basse specie sui settori della Pianura Padana, coste Veneto-Friuli, Toscana Sardegna, zone del Centro e lungo le coste Tirreniche.

A seconda dei pareri delle persone questo clima può giustamente piacere o meno, ma se affrontiamo un ragionamento oggettivo basato sulla Meteo allora possiamo affermare che questa situazione non è solo anomala, ma anche potenzialmente pericolosa in caso di successive perturbazioni che scorrendo sopra un mare più caldo potrebbero generare precipitazioni importanti. Da non dimenticare inoltre l’enorme deficit che le Alpi e gli Appennini stanno affrontando con una scarsità precipitativa sotto la media e con la neve caduta nella prima parte autunnale ormai andata quasi del tutta sciolta fino ad alta quota.

Ci si chiede quindi, quando potremo assistere ad una svolta?

Non vogliamo illudere nessuno, ma al momento i modelli Meteo non vedono ancora importanti svolte, solo nel lungo termine a cavallo della terza decade di novembre sembra possa avvenire un lento cedimento strutturale dell’anticiclone sotto correnti più instabili da Ovest, un maggiore coinvolgimento da parte delle perturbazioni Atlantiche sembra giungere attorno il 22-23 novembre.

Giustamente sono valutazioni che trovano un’attendibilità davvero scarsa e che andranno valutate attentamente nei prossimi giorni.

gfs-12-312

Precedente meteo anticiclonico, ma non mancano nebbie e nubi basse Successivo Ultimi aggiornamenti sull' uragano Kate nell' Atlantico