Struttura verticale dell’ atmosfera (Parte1)

L’ atmosfera può essere suddivisa in diverse zone in relazione alla diversa composizione chimica o in base all’ andamento della temperatura, in questa prima parte vedremo come sia possibile dividere l’ atmosfera in due zone in base alla diversa composizione chimica.
.


Vediamo alcune caratteristiche di queste zone:


L’ omosfera (turbosfera) è la parte di atmosfera che si estende fino a 100km, in questa zona la composizione chimica dell’ atmosfera rimane costante; infatti i moti verticali rimescolano continuamente l’ aria. In questa zona è contenuta quasi tutta la massa dell’ atmosfera (oltre il 99,9% della massa totale dell’ atmosfera)

l’ eterosfera: si estende oltre i 100km/200km , in questa zona i moti verticali sono quasi assenti e la composizione chimica dipende con la quota; infatti negli strati inferiori dell’ eterosfera troviamo gli elementi più pesanti, ovvero quelli con massa molecolare maggiore, invece, negli strati superiori sono presenti gli elementi più leggeri (in primis idrogeno ed elio). In questa zona la diffusione molecolare prevale sui moti turbolenti. 

Le 2 zone sono separate dalla cosiddetta turbopausa dove i moti turbolenti e la diffusione molecolare si equivalgono.

Struttura verticale dell' atmosfera
Struttura verticale dell’ atmosfera
Precedente Susa: la “lotta” tra il foehn e la nebbia Successivo freddo e maltempo, una settimana in compagnia del flusso artico