Riscaldamento globale: il 2015 potrebbe chiudere a +1°C rispetto al periodo preindustriale

In base ai dati HadCRUT, gestito  dal Met Office e dal Climate Research Unit dell’Università dell’ East Anglia, la temperatura media globale tra gennaio e settembre 2015 è risultata più alta rispetto ai livelli preindustriali di 1,02°C.

Stephen Belcher, direttore del Met Office Hadley Centre, ha dichiarato: “quest’ anno abbiamo assistito allo sviluppo di  un Nino strong  nel Pacifico tropicale  e questo ha avuto un impatto importante sulla temperatura media globale del 2015”.

“Abbiamo già avuto eventi naturali simili in passato, ma questa è la prima volta che potremmo superare la soglia di +1°C rispetto ai livelli pre-industriali, questo è un importante indizio di come sia l’ influenza umana a guidare il clima”.

Le prime indicazioni suggeriscono che anche il 2016 sarà molto caldo a livello globale,  mentre è più difficile dire esattamente cosa succederà negli anni immediatamente dopo, anche se il Metoffice si aspetta che il GW continuerà anche nei prossimi anni.

Peter Stott, a capo del Climate Monitoring and Attribution ha dichiarato: “Quest’anno segna un traguardo importante, ma questo non significa necessariamente che, da ora in poi, ogni anno sarà 1°C o più al di sopra dei livelli pre-industriali,  la variabilità naturale giocherà un ruolo determinante per la temperatura di un dato anno.

 

 

 

 

 

Precedente il sopra media termico detta legge in Europa Successivo verso un approfondimento del Vortice Polare?