Nuove nevicate in arrivo su diverse zone del nord Italia! Vediamo dove e quando….

In queste ore dalla Francia è in arrivo una nuova perturbazione che, come possiamo osservare dall’ ultima immagine satellitare all’ infrarosso, ha già raggiunto le Alpi occidentali e l’ estremo nord ovest italiano.

Immagine

Questa perturbazione porterà un rapido peggioramento delle condizioni atmosferiche sul nord ovest italiano con la formazione di un minimo di bassa pressione che si muoverà molto rapidamente verso est/sud-est.

Tutto questo provocherà un rapido spostamento della perturbazione e delle precipitazioni verso est.

15-515IT

Ora vediamo quali zone avranno precipitazioni e dove ci saranno le condizioni per la neve.

Nelle prossime ore e stanotte ci attendiamo precipitazioni su Piemonte, in modo particolare sul medio alto Piemonte in spostamento verso la lombardia.

nmmit-25-14-0

Le temperature saranno buone su tutta la colonna con temperature a 850hpa (1400m di quota) comprese tra -1 e -4°C su tutto il nord Italia con eccezione dell’ Emilia.  Alla quota di 925hpa (700m) le temperature previste saranno comprese tra i -2°C e gli 0°C.

 

zt850z2_web_6

 

In questa prima fase ci attendiamo neve in Valle d’ Aosta, Piemonte e Lombardia in particolar modo su quella centro occidentale con accumuli non oltre i 2-3cm su medio e alto Piemonte e Lombardia occidentale.

Già in nottata si esauriranno le precipitazioni in Piemonte, continuano le nevicate in Lombardia con spostamento dei fenomeni nel nord est dove avremo condizioni per la neve fino a quote pianeggianti.

nmmit-1-16-0

Nel corso della mattinata si esaurisco i fenomeni su Lombardia con graduale cessazione dei fenomeni anche nel resto del nord est Italiano con le ultime nevicate sul basso veneto.

 

nmmit-1-20-0

In conclusione proviamo a stimare gli accumuli nevosi totali:

Per il nord ovest:

0-2 cm per il basso piemonte

1-4 cm per l’ alto piemonte e il piemonte centrale.

3-5 cm per pianura lombarda, con accumuli fino a 7cm sull’ alta lombardia.

Per il nord-est:

2-5cm su alte pianure del veneto e nel friuli,  punte di 7 cm sul basso veneto.

NB. Si tratta di accumuli medi, localmente varieranno a seconda dell’ intensità delle precipitazioni.

 

 

 

Precedente L’ eruzione del Krakatoa del 1883 Successivo si placano in Europa le anomalie termiche